Mobilità docenti

Mobilità con il Programma Erasmus+ (Mobility teaching – borsa STA)

Erasmus consente ai docenti degli Istituti di istruzione superiore titolari di EUC di svolgere un periodo di attività didattica presso un Istituto di istruzione superiore titolare di EUC di uno dei Paesi partecipanti al Programma Erasmus+ che abbia stipulato un accordo bilaterale con l‘Istituto di appartenenza.

Le categorie di docenza ammesse alla mobilità STA (Staff Teaching Agreement) sono:

  • ricercatori;
  • professori associati;
  • professori ordinari;
  • professori a contratto.

Lo scopo dell’attività è quello di trasferire competenze, di contribuire all’arricchimento dei piani di studio, di offrire agli studenti e ai docenti non in mobilità occasioni di confronto con metodi didattici diversi.

I docenti interessati individuano l’Università di proprio interesse tra quelle che hanno già un accordo con il Dipartimento di Giurisprudenza, per svolgere almeno 8 ore di docenza. Dovranno poi presentare all’Ufficio rapporti internazionali del Dipartimento di Giurisprudenza un programma di docenza contenente gli obiettivi, il valore aggiunto della mobilità, il contenuto della docenza e i risultati attesi. Entrambi gli Istituti saranno responsabili della qualità del periodo di mobilità.

Il docente interessato alla mobilità per docenza con Erasmus+, deve comunque presentare al Direttore del Dipartimento anche la consueta autorizzazione allo svolgimento della missione.

La mobilità e le relative spese saranno ammissibili solo se sostenute entro il 30 settembre dell’anno successivo a quello d’erogazione del contributo.

Posti disponibili nelle Università convenzionate.

Costi ammissibili

I costi ammissibili sono suddivisi tra spese di viaggio e spese per soggiorno, nel rispetto dei limiti definiti dall’Agenzia Nazionale Erasmus sulla base di distanze chilometriche e costo della vita del Paese estero, secondo la TABELLA DEI COSTI(viaggio e soggiorno).

Spese di viaggio: sono da considerarsi tali quelli per il viaggio di A/R , unitamente alle spese per i mezzi di trasporto sostenute nei giorni di arrivo e partenza. Il rimborso delle spese verrà fatto a pié di lista, dunque verranno rimborsati i costi effettivamente sostenuti secondo il Regolamento UNIPI per le missioni fuori sede, sulla base dei giustificativi di spesa esibiti, ma rimanendo comunque nei limiti indicati dalla tabella dei costi di viaggio. L’eventuale importo “in esubero” graverà sui fondi del docente. Il giorno dedicato al viaggio di andata deve essere immediatamente precedente al giorno di inizio dell’attività di docenza, così come il viaggio di ritorno dovrà essere effettuato nel giorno immediatamente successivo a quello nel quale si conclude l’attività di docenza.

Spese di soggiorno: la borsa copre fino a 5 giorni di mobilità.  Il docente può svolgere un periodo di mobilità superiore ai 5 giorni, ma le spese sostenute oltre i giorni consentiti graveranno sui fondi dello stesso docente. Il rimborso delle spese verrà fatto a pié di lista, dunque verranno rimborsati i costi effettivamente sostenuti secondo il Regolamento UNIPI per le missioni fuori sede, sulla base dei giustificativi di spesa esibiti, ma rimanendo comunque nei limiti indicati dalla tabella dei costi di soggiorno.

Come richiedere la borsa Erasmus+ Mobility Teaching

I docenti interessati potranno rispondere alla comunicazione che il CAI annualmente invia al Dipartimento per informare in merito alla possibilità di richiedere la borsa Erasmus+ per l’Anno Accademico in corso. Il CAI invia all’Ateneo le richieste, che saranno valutate ed autorizzate sulla base delle reali disponibilità di finanziamento.

Per garantire la partecipazione del maggior numero possibile di docenti la priorità sarà data ai docenti che si recano all’estero per la prima volta (usufruendo della borsa Erasmus+) nell’anno accademico in corso.

Una volta accolta la domanda ed erogato il finanziamento, il docente PRIMA DELLA PARTENZA dovrà:

  1. presentare al Direttore del Dipartimento il modulo per autorizzare la missione;
  2. compilare l’Accordo di mobilità in originale (duplice copia);
  3. compilare il Mobility Agreement for Teaching.

AL TERMINE DELLA MOBILITA’ dovrà:

  1. consegnare all’Ufficio Rapporti Internazionali del Dipartimento il Certificate of attendance in originale
  2. compilare il documento narrativo inviatogli dall’Agenzia Nazionale e comunicare l’avvenuta compilazione all’Ufficio Rapporti Internazionali. Solo dopo la compilazione del documento da parte del docente l’Ufficio potrà procedere al rimborso delle spese sostenute. Entro i 30 giorni successivi alla fine del periodo di mobilità, Erasmus AN invierà al docente un questionario da compilare on line, relativamente all’attività svolta. Con questo rapporti i docenti che hanno beneficiato della borsa STA sono chiamati a fornire il loro feedback in merito a informazioni effettive ed alla valutazione del periodo di attività all’estero, così come la sua preparazione e follow-up.

I moduli da compilare sono tutti nella sezione MODULISTICA della pagina Erasmus+ (International)

Mobilità internazionale extra Erasmus

Al fine di incentivare e favorire la partecipazione dei nostri docenti a convegni internazionali, il Dipartimento mette a disposizione alcuni contributi, a valere sul proprio Fondo Internazionalizzazione.

Si vedano in proposito le linee guida per la concessione di contributi per convegni, approvate dal Consiglio di Dipartimento il 18 dicembre 2018 (Delibera 125).

Numerose Convenzioni Internazionali sono state attivate anche dal nostro Dipartimento, consultabili alla sezione dedicata.